• Accreditato da
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di
  • Con la sponsorizzazione non condizionante di

Presentazione

Il Virus Respiratorio Sinciziale (VRS) è la causa più diffusa di infezione virale dell’apparato respiratorio nell’infanzia. Nei paesi a clima temperato, come il nostro, la maggioranza delle infezioni da VRS avviene durante un periodo di 22 settimane, compreso tra novembre ed aprile, con un picco tra gennaio e febbraio.

È fondamentale poter effettuare una prevenzione efficace, soprattutto per i gruppi di pazienti a maggior rischio, quali i nati prematuri. 

Non essendo ad oggi disponibile un vaccino in grado di proteggere definitivamente questi neonati, l’unica forma di protezione valida è la cosiddetta profilassi passiva mediante la somministrazione di un anticorpo monoclonale umanizzato (IgG) diretto contro l’antigene della proteina F del VRS: il Palivizumab.

La profilassi è raccomandata, nei neonati prematuri al di sotto delle 35 settimane di età gestazionale, in particolare in quelli altamente prematuri con un’età gestazionale inferiore alle 32 settimane. Questi neonati se non protetti possono contrarre una forma grave di Bronchiolite, ma sono anche suscettibili a superinfezioni batteriche nonché a gravi, seppur rare, complicanze neurologiche. Anche in altri particolari gruppi di bambini ad alto rischio, il VRS può causare gravi complicazioni respiratorie che possono portare all’ospedalizzazione del paziente, alla necessità di ventilazione meccanica e persino alla morte. Questi gruppi ad alto rischio, definiti in letteratura “special population”, hanno un aumento del tasso di ospedalizzazione da infezione da VRS da 3 a 10 volte; per tale motivo anche in questa categoria di bambini è giustificata la profilassi specifica con il Palivizumab.

Dal 2017 l’AIFA ha esteso l'indicazione alla profilassi ai bambini con co-morbilità, come quelli affetti da cardiopatia congenita, malattie neuromuscolari, fibrosi cistica, sindrome di Down e altre condizioni specifiche.

Programma

Informazioni

Obiettivo formativo

2 - Linee guida - protocolli - procedure

Mezzi tecnologici necessari

• Pc con sistema operativo Windows (Windows xp o superiore)
• Mac (Os 10 o superiore)
• Linux
• Connessione Internet (preferibilmente ADSL)
• Amplificatore audio con altoparlanti 
• I più recenti browser web

Procedure di valutazione

Questionario a scelta multipla

Responsabili

Responsabile scientifico

  • Dott. Piermichele Paolillo
    Responsabile U O C di Neonatologia-Patologia Neonatale - Terapia Intensiva Neonatale- del Policlinico Casilino di Roma

Docente

  • VM
    Prof. Vito Mondì
    Neonatologia, Patologia Neonatale, Unità di Terapia Intensiva Neonatalen presso Policlinico Casilino di Roma
  • Dott. Piermichele Paolillo
    Responsabile U O C di Neonatologia-Patologia Neonatale - Terapia Intensiva Neonatale- del Policlinico Casilino di Roma
  • AP
    Dott. Andrea Parigiani
    Infermiere UOC Neonatologia e TIN c/o Policlinico Casilino, Roma (RM)
  • SP
    Dott.ssa Simonetta Picone
    Dirigente medico UOC Neonatologia-TIN Policlinico Casilino, Roma

Elenco delle professioni e discipline a cui l'evento è rivolto

Medico chirurgo

  • Neonatologia
  • Pediatria
  • Pediatria (pediatri di libera scelta)

Infermiere

  • Infermiere

Infermiere pediatrico

  • Infermiere pediatrico
leggi tutto leggi meno